Connect with us

Per Lei Combattiamo

Il Tempo | Lazio, l’Europa presenta il conto

Published

on

Solo un pareggio, ma la Lazio ha tenuto botta nonostante problemi fisici e di organico. Apre Delofeu per l’Udinese, Felipe Anderson regala il pareggio che fa restare i biancocelesti al sesto posto. Certo, l’accelerata per la Champions non c’è stata, ma la prestazione è comunque positiva e Sarri può essere soddisfatto della reazione dei suoi all’avversità.

Udinese in formazione tipo, reduce dal tracollo di Verona più nel punteggio che nel gioco e con una classifica peggiorata dal ricorso della Salernitana che ha tolto ai friulani il 3-0 e 3 punti in più in classifica (la gara sarà recuperato). Il tecnico Cioffi si affida alla coppia Delofeu-Beto che ha già colpito i biancocelesti nello spettacolare 4-4 dell’andata chiuso con un gol dell’Udinese segnato al 98’. Lazio senza cinque titolari: Lazzari, Acerbi, Leiva, Luis Alberto e soprattutto Immobile sono costretti ai box tra infortuni e squalifiche. Sarri ha poche scelte, decide di cominciare con la squadra migliore ma ha poche possibilità di cambiare la gara in corso. Davanti a Strakosha, linea a quattro Marusic, Ramos, Patric e Hysaj, centrocampo obbligato con Milinkovic (capitano), Cataldi e Basic, davanti il tridente leggero Anderson-Pedro-Zaccagni.

Advertisement

Si comincia malissimo, difesa svagata e gol incassato. Dopo quattro partite senza subire reti, Delofeu sfrutta la sponda di Perez e l’errore di Hysaj sul fuorigioco: 1-0. Makengo fallisce il raddoppio sotto porta e, poco dopo, si fa male anche Pedro (problema muscolare). Un disastro, i titolari biancocelesti fuori diventano sei, entra Cabral che, fa spostare Anderson sulla fascia. A quel punto la Lazio si ritrova, lo stesso attaccante capoverdiano sbaglia il tap-in da due metri ma, più in generale, sale tutta la squadra che comincia a sfondare dalla parte di Felipe. Becao stende Cabral in area, l’arbitro non sanziona un intervento perlomeno dubbio, poco dopo il brasiliano si guadagna una punizione: cross di Cataldi, sponda di Zaccagni e testa vincente di Anderson che trova il pareggio al tramonto di un primo tempo in cui la Lazio ha avuto il 62% di possesso palla.

Ripresa con i biancocelesti che vanno subito all’assalto ma Cabral non sfrutta la caduta di Molina, poi Zaccagni ci prova con un tiro a giro che esce di poco. Cambi per l’Udinese, dentro Zeegelar, Pereyra e Success, Sarri sostituisce lo stremato Basic con André Anderson. Lazio stanchissima ma senza risorse in panchina per i guai fisici e le squalifiche. Pereyra chiede un rigore ma è lui a cercare il contatto con Milinkovic, la traversa di Molina chiude la partita e diminuisce i rimpianti biancocelesti per un successo che avrebbero meritato per il gioco espresso. Ora il Porto e dodici partite di campionato, a cominciare dal Napoli: il quarto posto resta un sogno. Per ora. Il Tempo/Luigi Salomone

Advertisement

Per Lei Combattiamo

Lazio-Napoli, la società biancocleste ricorda la vittoria contro i partenopei all’Olimpico – VIDEO

Published

on

Tra poco più di 24 ore andrà in scena la sfida di campionato tra Lazio e Napoli. Una gara importante per entrambe le squadre, che vengono da un’eliminazione in Europa League rispettivamente contro Porto e Barcellona. In occasione della sfida dell’Olimpico, la società biancoceleste  ha voluto ricordare la vittoria di misura raggiunta per 1-0 contro i partenopei nel gennaio del 2020. In quel frangente, nella notte in cui i tifosi festeggiavano i 120 anni della squadra, fu il solito Ciro Immobile a colpire per la Lazio, sfruttando un indecisione del portiere Ospina e insaccando da posizione defilata.

Questo il video postato dalla Lazio:

Advertisement

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da S.S. Lazio (@official_sslazio)

Advertisement

Advertisement
Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

© 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI